Vita Caroli PDF

Per il rilascio da parte delle Questure delle licenze per la raccolta di scommesse su competizioni sportive e su eventi non sportivi, la gestione di sale bingo e l’installazione di apparecchi VLT sarà richiesto il rispetto delle normative regionali e comunali in tema di distanze. E qui si è posta un punto critico. Finora, si propendeva per la prima risposta: le Questure non devono accertare vita Caroli PDF il rispetto delle distanze minime dai luoghi sensibili.


Författare: Carlo IV.

Vita Caroli” è l’autobiografia giovanile scritta in latino dall’imperatore del Sacro Romano Impero Carlo IV (1316-1378). Il libro esce in prima edizione italiana in occasione del VII centenario della nascita del grande re e imperatore boemo. Nato a Praga il 14 maggio 1316 da Elisabetta, l’ultima discendente della stirpe reale boema dei Premyslidi, e da Giovanni di Lussemburgo, re di Boemia, Carlo trascorse l’infanzia presso la corte del re di Francia, dove gli fu impartita una solida istruzione e un’educazione raffinata degna di un futuro sovrano. Richiamato in Boemia all’età di diciassette anni, fu coinvolto dal padre nelle dispute politiche e nelle lotte che imperversavano in Europa e in Italia, con l’obiettivo di consolidare il dominio della propria casata. Le vicende dell’infanzia e della giovinezza di Carlo sono narrate in questa singolare autobiografia, scritta con stile sobrio ed elegante, spaziando lungo un arco di tempo che va dal 1316 al 1346, anno della sua elezione a re dei Romani. Nel redigere questa “vita” l’intenzione di Carlo non è anzitutto biografica o autocelebrativa, bensì pedagogico-morale. Carlo vuole ammonire i suoi successori, mettendoli in guardia dai pericoli di una vita dissennata e dedita ai piaceri del mondo da egli stesso sperimentati da giovane; offre loro saggi consigli per regnare con giustizia e dedica alcuni capitoli all’interpretazione di pagine evangeliche nelle quali spiccano le parabole del regno. Prefazione di Eva Dolezalova.

Ma, leggiamo nella Circolare del 19 marzo, «questo orientamento oggi va sottoposto a riesame alla luce di una serie di elementi sopravvenuti nel tempo». Questore è chiamato a verificare la sussistenza non solo dei requisiti stabiliti dalla legislazione di polizia, ma anche da altre fonti normative». Questore deve tener conto della disciplina regionale e locale in tema di distanze minime dai luoghi qualificati come “sensibili”». La giurisprudenza che va consolidandosi in sede amministrativa mette sempre più in evidenza come una licenza ex art.

88 del Tulps può essere rifiutata da motivi di igiene. Il Questore puà allora assegnare «rilievo a cause ostative attinenti al mancato rispetto di normative regionali o locali che, in funzione di contrasto al fenomeno del gioco d’azzardo patologico, fissino limiti alla localizzazione di sale gioco». Vita Newsletter Scopri la newsletter di Vita. Caritas non sarà più la destinataria delle monete regalate dai turisti nel tradizionale lancio in fontana e per la sua assistenza ai più poveri di Roma significherà un taglio di 1,5 milioni. La Giunta Raggi destinerà i fondi alla conservazione del patimonio artistico e per iniziative sociali messe a bando.