Villa Gradenigo PDF

La Riviera del Brenta è un’area urbana villa Gradenigo PDF città metropolitana di Venezia che si estende lungo le rive del Naviglio del Brenta. Si tratta di una zona di elevato valore storico-paesaggistico per la presenza di numerose ville venete.


Författare: Giuseppe Bevilacqua.

Quattro dei dieci comuni sono oggi uniti nell’Unione dei Comuni della Città della Riviera del Brenta. Il corso d’acqua del Naviglio rivestì un importante ruolo come via di comunicazione tra la laguna di Venezia e il padovano. L’area è caratterizzata dalla presenza di moltissime ville, costruite nel periodo della Serenissima Repubblica tra il XVI e il XVIII secolo dalle famiglie patrizie veneziane, che testimoniano la potenza aristocratica dell’epoca. I nobili veneti venivano trasportati sul fiume da un battello chiamato Burchiello trainato dalle rive da uomini, buoi o cavalli, mentre le merci erano trasportate da barche chiamate Burci. Ancora oggi la crociera lungo la Riviera del Brenta costituisce un’attrattiva turistica. Di seguito vengono indicate alcune delle principali ville venete della Riviera, suddivise per comune di appartenenza.

Con la denominazione Città della Riviera del Brenta si intende l’unione dei comuni di Campagna Lupia, Dolo, Fiesso d’Artico e Fossò. 2002 dai comuni di Dolo e Fiesso d’Artico. Il trasferimento all’unione di ulteriori funzioni e servizi avverrà a seguito di apposita delibera dei rispettivi consigli comunali. Il Consiglio dell’Unione è composto dai sindaci e da un massimo di 3 consiglieri per ciascuno dei comuni partecipanti all’unione, eletti dai rispettivi consigli al proprio interno. La presidenza dell’Unione, per una durata pari ad un esercizio finanziario, compete a turno a ciascuno dei sindaci dei comuni associati. In caso di assenza o impedimento del Presidente, le funzioni sono esercitate dal Vice Presidente, che è il sindaco che secondo turnazione prenderà l’incarico l’anno successivo.

La Giunta dell’Unione è composta dai sindaci dei comuni associati. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 20 ott 2018 alle 00:56. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. L’affresco è una pittura eseguita sull’intonaco fresco di una parete: il colore ne è chimicamente incorporato e conservato per un tempo illimitato. L’affresco è un’antichissima tecnica pittorica che si realizza dipingendo con pigmenti generalmente di origine minerale stemperati in acqua su intonaco fresco: in questo modo, una volta che nell’intonaco si sia completato il processo di carbonatazione, il colore ne sarà completamente inglobato, acquistando così particolare resistenza all’acqua e al tempo.

Si compone di tre elementi: supporto, intonaco, colore. Il supporto, di pietra o di mattoni, deve essere secco e senza dislivelli. La principale difficoltà di questa tecnica è il fatto che non permette ripensamenti: una volta lasciato un segno di colore, questo verrà immediatamente assorbito dall’intonaco, i tempi stretti di realizzazione complicano il lavoro dell’affrescatore, la carbonatazione avviene entro tre ore dalla stesura dell’intonaco. Un’altra difficoltà consiste nel capire quale sarà la tonalità effettiva del colore: l’intonaco bagnato, infatti, rende le tinte più scure, mentre la calce tende a sbiancare i colori.