Veglia d’armi PDF

Il ritorno dei templari “a difesa veglia d’armi PDF’Europa cristiana” Dopo 700 anni sono ancora attivi i “soldati di Cristo”. La penombra della cripta dona la giusta atmosfera di mistero. I cavalieri s’aggiustano il mantello bianco con una vistosa croce rossa sulla spalla.


Författare: Eraldo Affinati.

Il novizio, convocato, avanza in religioso silenzio e s’inginocchia di fronte al maestro templare. Oltre 700 anni dopo la fine ingloriosa dei cavalieri crociati le immagini suonano mistiche. Sono passati sette secoli dalla morte dell’ultimo maestro dei Templari, Jacques De Molay. E i Pauperes commilitones Christi, quell’Ordine militare e religioso braccio armato della Chiesa in Terra Santa, sembra ormai un ricordo del passato cui s’ispirano solo romanzieri e scrittori.

Sono padri, madri, figli, semplici cattolici attratti dagli “antichi valori della cavalleria cristiana”. Portare avanti i “sempiterni valori della Tradizione, ispirati al fulgido esempio degli antichi martiri dell’Ordine medievale”. Ferretti si aggiusta il cinturone in pelle e con la mano indica la croce patente sul collo di un eques. Il cavaliere – dice – è una persona che ha deciso di cambiare se stesso e di essere un uomo diverso”. Appena 20 anni, è uno dei più giovani della commanderia napoletana.

Il mio percorso è stato travagliato”, racconta. Poi ebbi una sorta di chiamata. Sentivo dentro di me una voce che mi diceva: ‘Luca devi ritornare'”. Le storie personali si intrecciano e a volte si ripetono. Luciano Francesco piange nel ricordare la morte del figlio in un incidente d’auto: “L’associazione mi ha dato quella forza che prima non avevo. Molti dei moderni templari sono entrati nell’ordine per curiosità o passione storica.

Per diventare un membro dell’Ordine del Tempio italiano non servono sangue blu né enormi risorse economiche. Il novizio non prende alcun impegno perché per almeno un anno può scegliere di andarsene”, spiega il magister. La cavalleria non si compra e non si vende. Dopo un anno di preparazione, il novizio passa armiger, poi miles, infine eques iustitiae.