Teresa PDF

Appartengono al territorio di Santa Teresa gli scogli di Monte Russu, della Colombaia e di Munichedda. Tale notorietà era dovuta al granito estratto nei teresa PDF che veniva trasportato verso Roma.


Författare: Neera.

Queste premesse rendono plausibile l’ipotesi che in zona fosse collocata l’antica città di Tibula. Nel XIV secolo gli aragonesi, poco dopo la conquista dell’isola, edificarono un castello ex-novo, poi lungamente conteso durante la guerra sardo-catalana. Quando nel 1720 l’isola passò ai Savoia venne inviato come comandante della torre Francesco Maria Magnon, che capì la necessità di creare un centro abitato nei pressi della fortezza. A 3 km circa dal centro, nasce sotto una pineta secolare la chiesa del Buoncammino, costruita nel XVII secolo. Di notevole importanza archeologica sono i siti nuragici di Lu Brandali e Sa Testa risalenti all’età del bronzo. Secondo i dati dell’ISTAT la popolazione straniera residente al 31 dicembre 2010 era di 505 persone. Il dialetto parlato a Santa Teresa è il gallurese.

Il centro abitato, caratterizzato da costruzioni basse, si sviluppa attorno a due insenature: quella di Porto Longone, un profondo fiordo naturale al fondo del quale c’è il porticciolo, e quella di Rena Bianca, che racchiude la celebre spiaggia di sabbia finissima e bianca. Una delle caratteristiche peculiari della conformazione della cittadina è la pianta romana, ovvero un impianto urbano fatto di una rete di vie che si incrociano perpendicolarmente. Meta turistica molto ambita, l’economia del borgo è fondata sulla forte presenza turistica, italiana e straniera. Il porto, che ha conquistato una notevole importanza diportistica, con i trattati europei di libero scambio, ha da tempo perso quella che per decenni è stata l’antica connotazione frontaliera. Dato Istat – Popolazione residente al 31 marzo 2018. Giunta Provinciale di Sassari, Comune delimitato di lingua sarda ai sensi dell’art. 1999 con Deliberazione della Giunta Provinciale di Sassari n.