Tarocchi la previsione dell’avvenire – cartomanzia pratica PDF

Chi pratica la divinazione è chiamato generalmente indovino o vate, ma va tenuto presente che ogni arte divinatoria ha il suo termine particolare per indicare la persona che interpreta i segni o riceve la rivelazione. Chi si rivolge a un indovino generalmente è chiamato consultante, specialmente quando lo fa a scopo personale. Come fenomeno culturale, la divinazione è stata osservata dagli antropologi in tarocchi la previsione dell’avvenire – cartomanzia pratica PDF religioni e culture, in tutte le epoche fino ai giorni nostri.


Författare: Antares Stanislas.

Ogni cultura e religione ha sviluppato i propri metodi di divinazione. Un individuo, un gruppo o una comunità si rivolge a un indovino in un momento di crisi allo scopo di ottenere, in modo soprannaturale, delle indicazioni ritenute adatte a superarla. Nelle culture primitive spesso si richiede che l’indovino sia isolato dal culto e dalla vita comunitaria, questo per garantirne l’autonomia nella produzione del responso. La divinazione è nata a seguito del pensiero mitico della preistoria. Dai primi momenti della storia delle civiltà mesopotamiche, dalle tavolette di argilla, emergono numerosissimi esempi di uso e pratiche di divinazione, che costituiscono le più vivide rappresentazioni della vita di tutti i giorni in quei tempi antichi. L’astrologia e l’astronomia sono nate come una medesima disciplina durante la civiltà babilonese, in quanto lo studio dei movimenti astrali era considerato sussidiario allo scopo divinatorio.