State, power and new political actors in postcolonial Africa PDF

Type or paste a DOI name into the text box. Jump to navigation Jump to search “The state” redirects here. A state is a compulsory political organization with a centralized government that maintains a monopoly on the legitimate use of force within a certain geographical territory. Many human societies have been governed by states for millennia, however for most state, power and new political actors in postcolonial Africa PDF pre-history people lived in stateless societies.


Författare: .

I saggi del volume sono stati scritti da alcuni tra i maggiori studiosi internazionali dell’Africa subsahariana contemporanea: V. Y. Mudimbe, J.-L. Amselle, J. Lonsdale, B. Jewsiewicki, C. Coquery-Vidrovitch, G.P. Calchi Novati, P. Chabal, J.-P. Daloz, R. Otayek, A.M. Gentili, D. Darbon, C. Clapham, R. Marchal, D. Bach.

Quarta di copertina

Negli ultimi due decenni l’Africa subsahariana ha conosciuto importanti processi di cambiamento politico e sociale, che trovano un precedente solo nel periodo della decolonizzazione e dell’immediato post-indipendenza. Riforme politiche ed economiche, caratterizzate da introduzione di sistemi multipartitici ed elezioni competitive, effervescenza della società civile ed emergere di nuovi movimenti sociali, allargamento e approfondimento dei conflitti armati uniti a una difficile inserzione nel sistema globale e a crescenti processi di transnazionalizzazione, hanno contribuito – insieme a un evento “fondativo” come la fine dell’apartheid in Sudafrica – a rimettere in discussione i termini della relazione tra Stato, potere e società definitisi in epoca post-coloniale. Intorno a questi nodi del potere, negli ultimi anni è cresciuto un intenso dibattito interno al continente tra i suoi intellettuali, i suoi politici, i suoi attori politici e sociali, sulla stessa definizione di democrazia e cittadinanza e sul ruolo e la natura dello Stato in Africa. Un confronto che costituisce lo sfondo anche dei conflitti, alimentati da opposte visioni e strategie del potere, e da derive storiche conflittuali degli attori sociali e politici nel loro rinnovato rapporto con lo Stato post-coloniale. Il volume si propone di presentare le più recenti analisi e prospettive su questi complessi fenomeni, di fare il punto sullo stato attuale della riflessione intellettuale e politica, di rendere conto di alcune linee di ricerca più innovative: la relazione tra storia, memoria e costruzione dello Stato post-coloniale; la natura del “politico” e l’ambiguo rapporto che il potere intrattiene con le politiche pubbliche e le nuove strutture di dominio; le caratteristiche della società civile, il ruolo dei nuovi attori sociali, di donne e giovani urbani; il conflitto e la militarizzazione come mezzi di riformulazione dello Stato post-coloniale; i problemi di cittadinanza e democrazia nelle nuove politi

The first states arose about 5,500 years ago in conjunction with rapid growth of cities, invention of writing, and codification of new forms of religion. Latin word status, meaning “condition, circumstances”. The English noun state in the generic sense “condition, circumstances” predates the political sense. It is introduced to Middle English c. 1200 both from Old French and directly from Latin. The highest estates, generally those with the most wealth and social rank, were those that held power. There is no academic consensus on the most appropriate definition of the state.

The term “state” refers to a set of different, but interrelated and often overlapping, theories about a certain range of political phenomena. Another commonly accepted definition of the state is the one given at the Montevideo Convention on Rights and Duties of States in 1933. According to the Oxford English Dictionary, a state is “a. Confounding the definition problem is that “state” and “government” are often used as synonyms in common conversation and even some academic discourse.

According to this definition schema, the states are nonphysical persons of international law, governments are organizations of people. States may be classified by Political philosophers as sovereign if they are not dependent on, or subject to any other power or state. Other states are subject to external sovereignty or hegemony where ultimate sovereignty lies in another state. The concept of the nation-state, theoretically or ideally co-terminous with a “nation”, became very popular by the 20th century in Europe, but occurred rarely elsewhere or at other times. A state can be distinguished from a government.