Sette piccole storie PDF

Federazione dei Sette Comuni fece uno spontaneo atto di dedizione alla Repubblica di Venezia, che ne garantì i privilegi per i successivi quattrocento anni. Dopo una parentesi sotto il dominio dell’Impero austriaco, il 21 ottobre 1866 fu annessa al Regno d’Italia a seguito della vittoria italiana nella terza guerra di indipendenza. Diverse teorie riferiscono la tradizione linguistica sette piccole storie PDF definita “cimbra” ai Cimbri antichi, ai Goti o ad altri “barbari”, compresa forse l’influenza longobarda. Opera d’arte era il modo di vivere e la libertà difesa giorno per giorno.


Författare: Massimo Zona.

Gli altopianesi hanno sempre avuto un rapporto diretto con la famiglia degli Ezzelini anch’essa d’origine germanica, con cui fu stipulata un’alleanza. A formare l’amministrazione venivano scelti quattordici Reggenti, due per ogni paese. Durante le Vicinie o Assemblee dei capifamiglia si prendevano le decisioni più importanti. La Reggenza aveva diplomatici a Venezia, Verona, Padova e perfino a Vienna. Terminata l’epopea ezzeliniana, Vicenza tentò più volte di saccheggiare e di impossessarsi delle terre dell’Altopiano: così nel 1327 la Federazione dei Sette Comuni, pur mantenendo la propria autonomia amministrativa, si alleò con gli Scaligeri, che l’affrancarono da ogni vincolo di sottomissione rivendicato dal Comune di Vicenza. Nel 1387 la Reggenza passò sotto la protezione dei Visconti di Milano, che ne rispettarono ancora una volta lo statuto, ne assicurarono l’autonomia amministrativa, ne riconobbero le esenzioni e i privilegi, denominando gli abitanti dei Sette Comuni i tedeschi delle montagne del distretto di Vicenza.