Sei pezzi da mille PDF

In fondo, la critica al Cristianesimo potrebbe dunque ridursi a questo: che essendo una religione per letterali cretini, non si adatta a coloro che, forse per loro sfortuna, sono stati condannati a non esserlo. Nel libro sono citate – in oltre sei pezzi da mille PDF note e citazioni – tutte le fonti da cui sono tratte le critiche.


Författare: James Ellroy.

“Sei pezzi da mille” inizia dove “American tabloid” finisce: dall’attentato a Kennedy e dal complotto per insabbiarlo. James Ellroy allaccia così il suo racconto ai grandi eventi di quegli anni, e i suoi personaggi, sbirri, assassini, malviventi e provocatori, si mescolano ai protagonisti e alle vicende di quegli anni: da Martin Luther King ai fratelli Kennedy, dalle tensioni con Cuba al Vietnam, i fili della storia vera e inventata si intersecano in un solo “incubo americano”.

Nella prima parte del volume viene contestata la credibilità, l’accuratezza e la storicità del racconto biblico. Si illustra inoltre la possibile origine politeista della religione ebraica, desumibile dall’uso dei diversi termini Jahvé e Elohim per indicare il dio, nonché dal fatto che proprio la parola Elohim è un sostantivo plurale. Il libro include, con una certa dose di sarcasmo, critiche scientifiche, citando errori che “non sono certo perdonabili ad un presunto creatore”. Odifreddi riporta una delle etimologie proposte per la parola cretino, che fa derivare l’etimo dalla parola cristiano.

Il matematico usa l’argomento per sostenere, tra il serio e il faceto, la letterale cretineria dei cristiani. Anche nei Vangeli Odifreddi trova parecchie incongruenze, in particolare confrontando le quattro versioni di Marco, Matteo, Luca e Giovanni. Lo studioso di religioni Massimo Introvigne, molto vicino agli ambienti cattolici e titolare di una cattedra all’Università Pontificia, lo ha definito, in particolare per quanto riguarda le sezioni bibliche e storiche, “un libro nato già vecchio e moribondo”, un insieme di “vecchiumi, fatti a pezzi dalla storiografia e dalla sociologia storica più recenti”. Un’altra critica al libro è venuta da Paolo Martino, ordinario di Linguistica generale alla LUMSA, che in un suo articolo usa lo stesso tono dissacrante e ironico di Odifreddi per segnalare quelle che secondo lui sono le inesattezze del libro. Vincenzo Vitale, Volti dell’Ateismo – Mancuso, Augias, Odifreddi.

URL consultato il 20 luglio 2011. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 13 ott 2018 alle 10:26. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Dalle sue opere sono stati tratti numerosi film, tra cui L.

Questa voce o sezione sull’argomento scrittori statunitensi non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Nel 1958 sua madre, Geneva, fu uccisa a El Monte, dove lei e Lee Earle si erano trasferiti tre anni prima dopo il divorzio dal padre, Armand. Un altro evento che ha segnato la sua vita è il famoso caso della “Dalia Nera”, un caso di omicidio rimasto irrisolto, avvenuto a poca distanza da dove il giovane Ellroy abitava. La vita di Ellroy è tutt’altro che tranquilla: dopo aver abbandonato la scuola senza prendere il diploma, nel 1965, a diciassette anni, perde anche il padre. Ellroy finge un esaurimento nervoso e ne approfitta per lasciare l’esercito, dove si era arruolato volontario. Negli anni ottanta pubblica la cosiddetta “tetralogia di Los Angeles”, composta da Dalia nera, Il grande nulla, L.

Nel 1995 scrive American Tabloid, romanzo che racconta la storia statunitense degli anni sessanta, fondendo fatti realmente accaduti con invenzioni letterarie. Nel settembre 2014, è uscito negli Stati Uniti il suo nuovo romanzo, Perfidia, primo capitolo della seconda tetralogia di Los Angeles. Le vicende narrate nel libro si svolgono tra il 6 dicembre e il 29 dicembre del 1941. Ellroy si era trasferito a Kansas City. Nel 2006, a seguito del loro divorzio, lo scrittore è tornato a L. Ellroy dice di se stesso: “Io penso di aver sempre voluto e cercato di essere felice nella mia vita, e penso anche di esserci riuscito. Non sono mai stato depresso, né mi sono mai lamentato troppo.

Sono un americano religioso, eterosessuale di destra, sembra quasi che sia nato in un’altra epoca. Non penso che il mondo collasserà a breve, non penso che l’America sia una forza diabolica, ma penso che l’America prevarrà nel mondo della geopolitica. Mondadori, con il titolo Los Angeles Nera. La trilogia del sergente Hopkins, Omnibus Gialli, Mondadori, 2001. Basato su un soggetto di James Ellroy, coautore della sceneggiatura assieme a Moverman. James Ellroy begins his second L.