Pizzo Badile PDF

Il Pizzo Badile è la più imponente montagna del gruppo della Bondasca, sebbene sia superato in altezza dal vicino Pizzo Cengalo, di 66 metri più pizzo Badile PDF. Il Badile è formato di serizzo ghiandone, granito con percentuali particolarmente alte di feldspato. Dal 1967 è stato predisposto un bivacco nei pressi della vetta. Nel 2005 è stata portata in cima un’insolita quanto colorata statua di Budai, una figura dell’iconografia buddhista, oggi non più visibile.


Författare: .

La prima ascensione fu compiuta il 27 luglio 1867 da William Auguste Coolidge con i suoi compagni di cordata Francois e Henry Dévouassoud, per il versante sud. In questa sezione sono descritte alcune delle vie alpinistiche sul Pizzo Badile. La via normale sale lungo il versante sud, l’itinerario dei primi salitori e fiancheggia la prominente cresta che solca la parete. I primi a percorrere lo “Spigolo Nord” furono gli italiani Gaetano Scotti, Angelo e Romano Calegari, i quali il 30 luglio 1911 arrivarono fino a metà via, ma, essendo stati costretti a ritirarsi a causa di un temporale, il 3 agosto salirono in vetta alla montagna dalla via normale e si calarono sullo spigolo fino al punto precedentemente raggiunto, risalendolo poi a ritroso.

La via fu aperta dopo una lotta in parete di tre giorni contro le avverse condizioni meteorologiche. Molteni e Valsecchi morirono per sfinimento durante la discesa per la via sud. 21-23 febbraio 2008 – Prima solitaria invernale realizzata da Rossano Libera. Via Corti-Battaglia – 17-18 agosto 1953 – Prima salita di Claudio Corti e Felice Battaglia. Felice Battaglia perse la vita al termine della scalata, precipitando dopo essere stato colpito da un fulmine. I primi salitori impiegarono 120 chiodi, 6 cunei e 20 ore di scalata.