Paul Ricoeur e la psicoanalisi PDF

1856 da famiglia ebraica e trascorre l’infanzia e la giovinezza a Vienna. Freud comincia a discutere con questo studioso di malattie nervose il problema dei disturbi mentali e della loro terapia. Aperto uno studio per malattie nervose dove applica regolarmente la terapia ipnotica, Freud riceve paul Ricoeur e la psicoanalisi PDF critiche da parte della medicina ufficiale del tempo, ispirata a principi positivistici e convinta della natura non psicologica, ma puramente organico-materiale dei disturbi mentali. In definitiva l’ipnosi era solo un palliativo.


Författare: Giuseppe Martini.

Unanimemente considerato tra i maggiori filosofi della contemporaneità, Paul Ricoeur è probabilmente anche quello con cui gli psicoanalisti più si sono confrontati. La ragione di ciò risiede soprattutto nella sua fondamentale opera del ’65 Dell’Interpretazione. Saggio su Freud, per più di una ragione anticipatrice di temi e problematiche che solo nei decenni successivi diverranno centrali in ambito psicoanalitico.Dopo quest’opera, il filosofo non si è più sistematicamente confrontato con la psicoanalisi; nondimeno ha saputo fornirle contributi “indiretti” e occasioni di riflessione attraverso tutte le sue opere maggiori degli anni ’80 e ’90 dedicate ai temi del Sé, del Tempo e della Narrazione. Oltre a ciò,ha tuttavia specificamente dedicato alla psi-coanalisi brevi saggi e interviste, oggi difficilmente reperibili, ma ricchi di acutissime notazioni.Il presente volume li raccoglie, presentando nel contempo una recente intervista-conversazione, rilasciata in occasione del suo novantesimo compleanno. In essa, oltre ad una revisione di certe precedenti posizioni, il rapporto tra ermeneutica e psicoanalisiè affrontato alla luce dei suoi ultimi studi che concernono i problemi della rap-presentazione, del linguaggio e della traduzione e, su di un piano etico, il passaggio “da una filosofia della colpa ad una filosofia della compassione”.Considerati nel loro arco temporale (1977-2003), gli scritti di Ricoeur qui riportati illustrano anche il fecondo passaggio da una ermeneutica del simbolo ad una ermeneutica della narrazione, per giungere alfine ad una ermeneutica della traduzione, passaggio che non esclude un movimento circolare tra le tre, fecondo tanto per la filosofia quanto per la psicoanalisi.

Breuer e le critiche di gran parte del mondo accademico. Nonostante questo Freud approfondisce il campo delle sue ricerche. Rifacendosi ad una concezione tardo-positivistica, Freud delinea una concezione dinamico-energetica dell’essere umano. Nella pulsione possiamo distinguere fonte, oggetto e meta.

In un secondo tempo Freud aggiunge le pulsioni di Morte ed Eros, e sviluppa la tesi secondo cui nell’uomo esisterebbe, accanto a una tendenza alla conservazione e allo sviluppo della vita e dell’eros, anche una tendenza all’autodistruzione, al dissolvimento di se stessi. Io del soggetto viene in parte scisso da se stesso, assimilato all’Io di un altro individuo ed eretto a censore della nostra vita. L’itinerario psicanalitico che abbiamo delineato, giunge alla sua fase finale quando esplica un’azione terapeutica. La spiegazione di questo fenomeno, secondo Freud, risiede nel fatto che gli individui nevrotici sono tutti carenti, per un motivo o per l’altro, a livello affettivo, e quindi trasferiscono il loro desiderio insoddisfatto nell’analista.