Mussolini. Duce si diventa PDF

Pochi momenti della Storia italiana sono stati studiati come il 28 aprile 1945. Le modalità dell’uccisione di Benito Mussolini e di Claretta Petacci hanno scatenato da sempre i dubbi degli storici. Difficilmente dopo tutti questi anni si arriverà ad una verità accettata da tutti. Di certo la scia di sangue sul mussolini. Duce si diventa PDF di Como non si è esaurita con la morte del Duce e non ha riguardato soltanto i fascisti.


Författare: Remigio Zizzo.

Un certo numero di partigiani coinvolti nel sequestro della valigia piena di carte che il Duce portava con sé ha fatto una brutta fine. E tutti gli indizi sembrano indicare tra i carnefici i partigiani più ideologizzati delle Brigate Garibaldi. Luigi Canali, noto come il Capitano Neri, Capo di stato maggiore della 52esima Brigata Garibaldi, scompare il 6 maggio del 1945. Si era duramente opposto ai tentativi di appropriarsi dei beni sottratti ai gerarchi fascisti. Giuseppina Tuissi, nome di battaglia partigiano «Gianna», fa troppe domande su che fine abbia fatto Neri a cui era intimamente legata. Scompare anche lei il 23 giugno 1945. Il regista e sceneggiatore Renzo Martinelli nella sua carriera ha spesso affrontato scottanti tematiche sociali e di attualità, come in Ustica, Vajont, Piazza delle Cinque Lune.

Si può però dire che una certezza c’è: i conti su quello che è avvenuto tra Dongo e piazzale Loreto a Milano non tornano. Nelle versioni ufficiali ci sono dei vuoti e delle incongruenze difficilmente spiegabili. E nessuno ha mai spiegato davvero chi e perché decise di far sparire il Capitano Neri e la sua protetta, nessuna verità uscì dal processo del 1947. Esisteva già un bel romanzo in stile 007 sulla fine di Benito di Anglo Paratico e intitolato”BEN” uscito con Mursia nel 2010. Questi erano i partigiani che oggi pontificano su tutto.

Degli ASSASSINI sanguinari e senza scrupoli in molti casi anche prezzolati nella migliore tradizione dei sicari mafiosi. Per tutelare i loro segreti e, soprattutto, i soldi di cui hanno derubato tante persone con la scusa delle “confische proletarie” non hanno guardato in faccia a nessuno. Ma tutti ‘sti balordi trinariciuti che sparlano ogni giorno di pericolo fascista e radiose giornate perché hanni una tale fifa di raccontare come andarono veramente le cose? La cosa più comica è che i partigiani che hanno edificato questo bidone di repubblica fallita si ammazzavano tra loro peggio delle bestie. E tutto per far tacere tutti i loro compagni che sapevano dell’oro che si sono fregati. Non avevano ancora cominciato a governare è gia erano ladri. Contenuto alternativo per i browser che non leggono gli iframe.