Migrazioni PDF

Questa voce o sezione migrazioni PDF’argomento ecologia è priva o carente di note e riferimenti bibliografici puntuali. Longobardi che si stabilirono in Italia alla fine dell’Impero Romano d’Occidente.


Författare: Guido Boffi.

La maggior parte degli anfibi, come per esempio le rane temporarie, nonostante viva sulla terraferma, annualmente compie migrazioni di massa durante la stagione riproduttiva, spesso, a seconda delle specie, tornando nelle stesse acque degli anni precedenti. Migrazioni vere e proprie, però, vengono compiute da poche specie, soprattutto Lepidotteri, Ortotteri, Odonati e Coleotteri. Lo stesso argomento in dettaglio: Migrazione ittica. Le tartarughe marine compiono spostamenti più o meno grandi per raggiungere le spiagge in cui deporranno le uova, le spiagge dove loro stesse sono nate.

Infatti, cosa sorprendente, ricordano con grande precisione la rotta per raggiungere il luogo in cui sono nati o, nonostante i circa trent’anni necessari per raggiungere la maturità. Sembra che il fenomeno delle migrazioni sia iniziato a partire già dalla preistoria in cui già esisteva un’alternanza stagionale. Sono stati compiuti numerosi studi ornitologici sulle migrazioni utilizzando metodi di campionamento ed osservazione in corrispondenza dei punti di confluenza delle rotte aeree, inanellamento o strumenti tecnologici come telescopi o radar. In questo modo sono state raccolte numerose informazioni sui percorsi seguiti, sugli spostamenti effettuati, sulla composizione d’età degli stormi ecc. L’aspetto che comunque rimane più affascinante e meno noto nel fenomeno delle migrazioni è la capacità di orientamento degli uccelli. Talvolta, però, le rotte migratorie non risultano costanti, ma si modificano in modo più o meno marcato: spesso questo è dovuto a fattori di disturbo antropici, come, per fare alcuni esempi, la presenza di città illuminate che alterano l’orientamento notturno offuscando la percezione delle stelle oppure operazioni di bonifica che hanno eliminato superfici palustri su cui sostavano e traevano informazioni per l’orientamento gli uccelli di passo.