Le origini della seconda guerra mondiale PDF

Jump to navigation Jump to search In questa categoria sono raggruppate le voci che riguardano gli aerei militari che sono stati impiegati durante le origini della seconda guerra mondiale PDF seconda guerra mondiale. Pagine nella categoria “Aerei militari della seconda guerra mondiale” Questa categoria contiene le 200 pagine indicate di seguito, su un totale di 648. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 5 mag 2016 alle 10:12. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli.


Författare: Taylor Alan John Percival.

Le vere cause e responsabilità della seconda guerra mondiale.

La Luftwaffe fu l’aviazione militare tedesca durante il secondo conflitto mondiale. Contribuì, soprattutto durante i primi anni di scontri, alla buona riuscita della tattica della “guerra lampo” adottata dalle forze armate tedesche. Vittoriosa in Polonia e in Francia, subì una prima battuta d’arresto nella battaglia d’Inghilterra scontrandosi contro la Royal Air Force britannica. Il rovesciamento delle sorti della guerra portarono la Luftwaffe ad un progressivo cambio di attività e l’occupazione preminente divenne la difesa dello spazio aereo tedesco minacciato dai bombardieri britannici e statunitensi. L’aviazione tedesca, in inferiorità numerica e con scarse quantità di carburante, non riuscì ad arginare l’offensiva Alleata. Avvertenza: nonostante il titolo di questa voce, per completezza, l’elenco comprende anche alcune aerodine di tipo diverso dagli aerei.

A seguito del trattato di Versailles, alla Germania fu imposto lo scioglimento dell’aviazione militare. Ciononostante, fu mantenuta segretamente una forza aerea fin dal 1926. Venne poi la decisione di Hitler di riarmare la Germania. La schiacciante superiorità numerica e qualitativa degli aerei tedeschi fece sì che il collaudo avesse esito largamente positivo.

Tuttavia questo stesso esito positivo influenzò in modo determinante la mentalità dei comandi tedeschi, spingendoli verso la dotazione di bombardieri medi come arma strategica e verso il bombardiere in picchiata come arma tattica. Nel 1940 la Germania tentò l’attacco alla Gran Bretagna noto come operazione Seelöwe. Per la riuscita dell’operazione era necessario neutralizzare l’aviazione britannica, la RAF, per assicurare protezione totale alle navi che avrebbero dovuto attraversare La Manica. Fu subito constatata la grande vulnerabilità degli Stuka nei confronti dei caccia britannici, fatto che si manifestò in tutta la sua evidenza nei mesi a seguire. Nella seconda settimana di agosto furono riuniti 1482 bombardieri a medio raggio, 365 Stuka e altri cacciabombardieri, 976 caccia monomotore, alcune centinaia di aerei da ricognizione e 280 caccia bimotore.

La battaglia d’Inghilterra fu la prima grande battuta d’arresto per le forze armate tedesche, con la Luftwaffe che perse un totale di 1789 velivoli, dei quali 1385 in combattimento. 22 giugno 1941, aveva piloti inesperti e aerei inadatti a fronteggiare un potente attacco. 1942, la Luftwaffe ricominciò le azioni di supporto al suolo, caccia libera e bombardamento. Il principale aereo schierato al fronte era il Focke-Wulf Fw 190, che eccelleva sia nel ruolo di caccia che in quello di cacciabombardiere. Con 2 100 aeroplani la Luftwaffe tornò in massa a supportare l’attacco a Sebastopoli, dove in sole tre settimane fu sganciata una quantità di bombe superiore a quella lanciata in Gran Bretagna nel 1940,. In seguito la situazione si capovolse in favore dei sovietici e, nel 1944, di fronte all’avanzata dell’Armata Rossa, la Wehrmacht non poté fare altro che ritirarsi mentre la Luftwaffe era in affanno, con soli 1700 aerei disponibili. Un Fw 190 viene armato con un lanciarazzi.

Queste armi furono usate contro i bombardieri statunitensi. Nel gennaio 1944 la Luftwaffe mise in atto l’operazione stambecco, un’offensiva notturna allo scopo di distruggere obiettivi militari e civili nell’Inghilterra meridionale. Era una risposta ai continui bombardamenti che il Bomber Command effettuava sulla Germania. Le pesanti perdite subite dall’aeronautica tedesca nella prima metà del 1944 resero evidente la necessità di un vantaggio tattico dato che gli alleati disponevano ormai della superiorità aerea sul continente.

Adolf Galland riconobbe che la Luftwaffe stesse perdendo la guerra di logoramento. In questo momento preferirei avere in servizio un Me 262 che cinque Bf 109. Il 1º gennaio 1945 la Luftwaffe scatenò la sua ultima offensiva ad occidente per ridurre l’attività della caccia nemica colpendo a sorpresa gli aerei a terra: l’operazione Bodenplatte. Vi presero parte circa 800 aerei tra cui i Messerschmitt Me 262. Per contrastare l’avanzata sovietica a est, il 12 aprile 1945 furono riuniti 1850 caccia da impiegare nella difesa di Berlino, anche se il carburante era scarsissimo e l’aviazione sovietica numericamente superiore. La Luftwaffe fu la prima forza aerea del mondo ad impiegare in missioni di guerra aerei a reazione.