Le Acque a luce bianca PDF

Questa voce o sezione sull’argomento urbanistica è ritenuta da controllare. Motivo: Le Acque a luce bianca PDF e terminologia sono eccessivamente specialistici. Le definizioni sono molto tecniche ed evidentemente si riferiscono alla pratica attuale in Italia e in occidente. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.


Författare: Cristina Cassanelli.

Le prime testimonianze storiche di fognature risalgono ad un periodo compreso tra il 2500 e il 2000 a. Dai resti si è potuta ricostruire la fisionomia della città che, sotto il livello stradale, presentava una vasta rete di canali in mattoni in grado di convogliare le acque reflue provenienti dalle abitazioni. Le fognature antiche più efficienti furono però quelle di Roma. La prima cloaca romana di cui si abbia notizia risale al VII secolo a.

Urbe, e far defluire verso il Tevere i liquami del Foro Romano, di Campo Marzio e del Foro Boario. La realizzazione più importante fu però la cloaca massima, la cui costruzione fu avviata nel VI secolo a. Roma di origine etrusca Tarquinio Prisco. Con la caduta dell’impero, non vennero più costruite nuove fogne e spesso quelle esistenti furono abbandonate. Solo molto più tardi, nel XVII secolo, si sentì nuovamente l’esigenza di costruire fognature a seguito della forte urbanizzazione di città come Parigi e, dal XIX secolo, Londra. Le fonti di produzione dei reflui, in un agglomerato urbano, sono soprattutto le case e i luoghi di riunione abituali come la scuola, il posto di lavoro, la caserma, l’ospedale, ecc. Non vanno inoltre dimenticate le altre fonti di produzione, esse pure presenti nel tessuto cittadino, quali piccoli opifici, botteghe artigiane, officine meccaniche, garage, lavanderie, caseifici, studi fotografici, laboratori chimici e di analisi, macelli, ecc.