La seconda moglie PDF

Genny è in la seconda moglie PDF di vita e i dottori attivano le procedure di rianimazione. Don Pietro è stato liberato e viene informato dello scontro a fuoco fra Ciro e Genny e delle condizioni critiche di quest’ultimo.


Författare: Loredana Pietrafesa.

Chiede a Malammore e ai pochi fedelissimi rimasti di avere pazienza e attendere fiduciosi il suo ritorno al potere. A Napoli, Ciro e Salvatore Conte e i rispettivi alleati sono in trattativa per la spartizione dell’eredità lasciata da don Pietro. Ciro rassicura la moglie Deborah a riprendere la loro vita di sempre. La donna non sopporta più di essere succube delle azioni criminali del marito e continua a sentirsi in costante pericolo. Deborah decide di prendere la bambina e tornare a rifugiarsi nel nascondiglio usato in precedenza. Ciro la raggiunge e la affronta: tra i due scoppia una furiosa lite in cui la donna minaccia il marito di denunciarlo alle forze dell’ordine.

La donna sfugge al controllo degli uomini del marito e si accinge ad entrare in un commissariato di polizia, ma prima di entrare ha un ripensamento. Un malavitoso la vede camminare fuori dal commissariato ed avverte Ciro. L’Immortale tenta un ultimo approccio con la moglie per indurla a ragionare e decide di portarla a cena fuori, lasciando la figlia al fidato amico Rosario. Deborah non mostra segni di cedevolezza e al termine di un furioso litigio Ciro la uccide e simula una scena del crimine da esecuzione malavitosa. Intanto, in ospedale, Genny lotta ancora fra la vita e la morte.

Un anno dopo, Genny è sopravvissuto ed è in ottima forma, ora appare ancora più granitico e disumano. Il giovane Savastano si trova in Honduras per concludere un affare di droga molto importante prima del suo ritorno in Italia. Alcuni mesi dopo egli torna a Roma per concludere il traffico di droga con don Giuseppe Avitabile, un boss napoletano operante nella capitale. Padre e figlio non sono d’accordo sul modo di gestire gli affari e sulle modalità con cui tornare a prendere il controllo di Scampia e Secondigliano. Genny e suo padre, invitati dal capo clan calabrese a una cena, rimangono coinvolti in un agguato tra clan calabresi ma riescono a scampare alla morte.

Durante la fuga, vengono visti e inseguiti dalla polizia, ma don Pietro ha un malore ed è costretto a fermarsi. Genny non ha intenzione di lasciare il padre nelle mani della giustizia e lo carica su di sé portandolo così in salvo. La fuga va a buon fine e i due riescono a sfuggire ai poliziotti. Al mattino don Pietro si risveglia, e chiama i suoi uomini per farsi portare altrove senza dire nulla al figlio. Genny, accortosi della situazione, va a chiedere spiegazioni al padre in partenza.