La guerra per immagini in Fassa e Fiemme. Vol. 5 PDF

Questa voce o sezione sull’argomento centri abitati del Trentino-Alto Adige non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. La guerra per immagini in Fassa e Fiemme. Vol. 5 PDF of arms of Trentino-South Tyrol. Rio Cavallo, torrente che scende per la valle omonima fino a Calliano.


Författare: Guido Alliney.

Ancora oggi il Comune di Folgaria si fregia dell’appellativo di Magnifica Comunità. Non è dato sapere a quando risalga la concessione vescovile dell’appellativo e delle relative norme di indipendenza e di autogoverno. Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile. Di certo si sa quando la Magnifica Comunità di Folgaria cessò di esistere: avvenne nel 1805 nell’ambito della riforma amministrativa e politica introdotta da Governo austriaco prima e bavarese poi. Cimitero militare austro-ungarico della Grande Guerra di Folgaria, apparentemente creato da poco. Dopo la seconda guerra mondiale, la NATO ha istituito una base missilistica nei pressi del passo Coe: la base Tuono. Lo stesso argomento in dettaglio: eccidio di Malga Zonta.

L’attività partigiana fioriva verso il vicentino dove operavano le brigate val Leogra, la Pasubiana e la Fortuna. Tra i caduti vi fu anche Bruno Viola, il marinaio, medaglia d’oro alla Resistenza. Altro fatto accadde a Carbonare e ai fatti di Carbonare, avvenuti il 28 aprile 1945, è stata intitolata la piazza del paese. Malgrado la zona venisse considerata dai tedeschi strategicamente essenziale, la cittadinanza del Comune di Folgaria contribuì, sin dall’inizio, con i suoi uomini migliori, alla nascita ed allo sviluppo della Resistenza nel suo territorio. Esponendosi a rischio mortale, concorse alla raccolta, protezione ed avvio verso la Svizzera di numerosi piloti e militari alleati, dispersi o feriti nelle vallate circostanti. Per quanto riguarda l’artigianato, sono importanti le produzioni di sculture e di paralumi, oltre all’attività di intagli.

Il comprensorio sciistico Folgaria Fiorentini, consiste in 74 km di piste da sci alpino di varia difficoltà. Gli impianti di risalita sono situati nelle frazioni di Fondo Grande, Fondo Piccolo, Serrada, Costa, Ortesino e Francolini. Il 30 maggio 2002 la 17ª tappa del Giro d’Italia 2002 si è conclusa a Folgaria con la vittoria del russo Pavel Tonkov. Dal 1974 al 1983 da Folgaria partiva la “Marcia delle Nazioni”, una marcia non competitiva con un percorso di 40 km che si concludeva ad Asiago, organizzata in onore dei caduti della prima guerra mondiale. Dato Istat – Popolazione residente al 28 febbraio 2017. Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. URL consultato il 5 dicembre 2018.