Jung e il postmoderno. L’interpretazione della realtà PDF

Il sito raccoglie e pubblica gratuitamente tesi di laurea, dottorato e master. In questa sezione sono pubblicati e liberamente jung e il postmoderno. L’interpretazione della realtà PDF numerosi appunti di corsi universitari, riassunti di libri usati per superare gli esami, dispense, paper, schemi riassuntivi. Iscriviti a Tesionline per essere avvertito della pubblicazione di nuovi materiali di tuo interesse.


Författare: Christopher Hauke.

Gli scritti psicologici di Jung e dei post-junghiani vengono troppo spesso ignorati perché considerati anacronistici, arcaici e mistici. In Jung e il postmoderno, Hauke contesta tutto ciò, affermando che la psicologia junghiana ora è più importante che mai, non solo perché può essere una risposta alla modernità, ma può fornire una critica ai valori della modernità e dell’Illuminismo, in linea con la critica postmoderna alla cultura contemporanea. Dopo avere introdotto gli junghiani ai temi postmoderni presenti in Jameson, Baudrillard, Jencks e Foucault, l’autore introduce i postmoderni alla critica culturale di Jung e ai dibattiti post-junghiani su rappresentazione, individuazione, coscienza, e sulle alternative al razionalismo illuministico. L’autore propone anche un approccio del tutto nuovo ad argomenti quali l’isteria e il corpo, Jung e Nietzsche, l’architettura e l’affetto, la “morte” del soggetto, la scienza postmoderna e la sincronicità, nonché alla psicosi e ai “razionalismi” alternativi. Jung e il postmoderno è una lettura importante per chiunque sia interessato alla cultura contemporanea, non soltanto per gli junghiani e per altri psicoterapeuti desiderosi di esplorare l’importanza sociale della loro disciplina, ma per chiunque si interroghi su dove stiamo andando in questi tempi postmoderni.

Ho letto l’informativa sull’utilizzo dati personali. La Biblioteca Apostolica Vaticana, una delle più antiche al mondo, contiene una delle più significative raccolte di volumi. Si considerano biblioteche tanto le raccolte costituite da privati per uso personale quanto quelle costituite da enti privati e pubblici. In inglese si usa la parola library derivata dal latino liber, libro. Fonte: Giuliano Vigini, Glossario di biblioteconomia e scienza dell’informazione, Milano 1985.