Inganno reale PDF

Il passaggio da sistema non vivente ad organismo vivente non è stato un singolo evento ma piuttosto un processo graduale di aumento della complessità del sistema. Il concetto di origine della vita è stato trattato fin dall’antichità nell’ambito di diverse religioni e nella filosofia: con lo svilupparsi di inganno reale PDF scientifici spesso in contrasto con quanto letteralmente affermato nei testi sacri delle religioni, l’origine della vita è diventato tema di dibattito tra scienza e fede. L’interrogativo su come si originò la vita sulla Terra si pose soprattutto in seguito allo sviluppo della teoria della evoluzione per selezione naturale, elaborata in modo indipendente da A. La prima tappa fondamentale è stata la produzione di semplici molecole organiche, come amminoacidi e nucleotidi, che costituiscono i mattoni della vita.


Författare: Robyn Donald.

La questione più difficile è spiegare come da questi semplici composti organici, concentrati nei mari in un brodo primordiale, poterono formarsi delle cellule dotate dei requisiti minimi essenziali per poter essere considerate viventi, cioè la capacità di utilizzare materiali presenti nell’ambiente per mantenere la propria struttura, organizzazione e potersi riprodurre. Lo stesso argomento in dettaglio: Generazione spontanea. Un testo del 1658 raffigurante degli insetti. Prima del 1668 si pensava gli insetti prendessero vita per “generazione spontanea”. XVII secolo, secondo cui la vita possa nascere in modo “spontaneo” dalla materia inerte o inanimata, tramite l’effetto di “flussi vitali”. Lascia una camicia sporca o degli stracci in un contenitore, come una pentola o un barile, aperto contenente alcuni chicchi di grano o mangime e in 21 giorni appariranno dei topi.

Vi saranno esemplari maschi e femmine adulti e in grado di accoppiarsi e riprodurre altri topi. Nei barattoli del gruppo di controllo si osservarono delle mosche, che venivano a diretto contatto con la carne e, dopo poco tempo, si sviluppavano diverse larve. Nei barattoli tappati non furono ritrovate né larve, né mosche. Questi risultati non erano ancora conclusivi, poiché Redi, per eliminare qualsiasi dubbio sulla possibilità che la mancata circolazione d’aria, nei recipienti chiusi, poteva aver in qualche modo interferito con lo sviluppo delle larve, eseguì un altro esperimento nel quale i barattoli del gruppo sperimentale furono chiusi con della garza, che permetteva la circolazione dell’aria, impedendo l’ingresso delle mosche. Col passare degli anni la teoria della generazione spontanea venne progressivamente abbandonata. Questi risultati accesero un’animata discussione tra Spallanzani e Needham riguardo alla sterilizzazione come metodo per confutare la generazione spontanea.