Il processo amministrativo PDF

Questa voce o sezione sull’argomento diritto amministrativo non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. La possibilità per il cittadino di difendere le proprie posizioni è indicata fondamentalmente dagli articoli 24, 103 e 113 della Costituzione della Repubblica Italiana. Astrattezza: deriva dalla disposizione dell’articolo 24 della Costituzione che stabilisce : “Il processo amministrativo PDF possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi”. Dunque da questo capiamo che tutti potranno proporre azioni a tutela di situazioni giuridiche soggettive indipendentemente dalla concreta esistenza delle stesse.


Författare: Francesco Bartolini.

Il Codice del processo amministrativo, approvato con il D.L.vo 2 luglio 2010, n. 104, è stato da ultimo riformato dal D.L.vo 14 settembre 2012, n. 160. Il Decreto correttivo apporta rilevanti modifiche al contenzioso amministrativo, mutando oltre venti articoli di particolare importanza del Codice del processo amministrativo, in materie fra le quali la competenza territoriale dei TAR, le motivazioni degli atti processuali, la composizione della magistratura amministrativa, il contenzioso elettorale. L’opera illustra le ultime innovazioni attraverso una trattazione di taglio prettamente operativo, caratterizzata da esemplare chiarezza espositiva, consentendo così un rapido e agevole aggiornamento ad avvocati, magistrati, operatori del settore, e a tutti coloro i quali intendono approfondire le dinamiche processuali che si sviluppano nell’ambito del processo amministrativo. Si segnala che il volume riporta, in appendice, il testo degli articoli del Codice del processo amministrativo, modificati dal D.L.vo n. 160 del 14 settembre 2012.

Autonomia: la sentenza di rigetto del giudice non influirà sui presupposti dell’azione, ma solo sulla situazione di cui si richiede la tutela. Possono cioè esistere i presupposti per l’azione e dunque essere questa ricevibile , ma poi giungere ad una sentenza di rigetto riguardo alla situazione giuridica soggettiva di cui si richiede tutela. 21-septies Legge 7 agosto 1990, n. 633 codice di procedura civile, ex art. 8 Legge 21 luglio 2000, n. 30 giorni, può adire il giudice che ha emesso la sentenza per ottenere tutela esecutiva e, se necessario, ottenere la nomina di un commissario ad acta.

Sono organi della Giustizia Amministrativa il T. L’istruttoria è quella parte del processo in cui viene ricostruito il fatto e si distingue in questo senso dalla trattazione che invece riguarda l’individuazione degli aspetti giuridici. L’istruttoria benché molto più attenuata è presente anche nel processo amministrativo. Di norma in tale tipologia di processo non sono gli aspetti di fatto ad essere origine della controversia ma quelli di diritto. Competente per l’istruttoria è il presidente del tribunale. La Legge 21 luglio 2000, n. 205 conferisce al presidente il potere di richiedere tramite ordinanza istruttoria atti e documenti in relazione ai quali il provvedimento è stato emanato.

Sono la tipologia principale visto che l’attività dell’amministrazione è riportata in documenti. Sono ammesse nella giurisdizione generale di legittimità. Sono delle relazioni con le quali l’amministrazione indica i presupposti di fatto che hanno portato all’emanazione del provvedimento. Ai sensi dell’articolo 44 del Regio decreto 26 giugno 1924, n. Nella giurisdizione amministrativa non sono ammessi come mezzi di prova la confessione e il giuramento, considerata l’indisponibilità della pretesa sostanziale.

Dopo la conclusione della fase istruttoria occorre che una delle parti presenti una nuova istanza per la fissazione dell’udienza di discussione. Tale richiesta deve essere inoltrata entro un anno dalla conclusione dell’istruttoria altrimenti opera la perenzione del ricorso. Ricevuta la domanda viene formato il fascicolo d’ufficio e trasmesso al Presidente che deve, decorsi 20 giorni fissare il giorno dell’udienza con decreto. Le parti possono presentare documenti fino a 40 giorni liberi prima dell’udienza e memorie fino a 30 giorni liberi prima e presentare repliche fino a 20 giorni liberi prima.

All’udienza di discussione il giudice incaricato espone i fatti e motivi risultanti dal ricorso, gli eventuali rappresentanti delle parti possono esporre un proprio assunto in maniera succinta. 27, una procedura spedita nei casi in cui su debba dare atto delle rinuncia al ricorso o dichiararne l’estinzione, nei ricorsi in cui tutte le parti siano concordi sulla cessazione della materia del contendere, nei ricorsi in materia di spese per il mantenimento di alienati o inabili al lavoro, nel giudizio di ottemperanza e in tutti i casi debba essere deliberata con ordinanza motivata una misura cautelare. In tali ipotesi è previsto un procedimento in Camera di consiglio, caratterizzato dalla decisione collegiale in assenza di pubblica discussione, regola generale per la fase decisoria ordinaria. Presidente del Tar competente, la fissazione dell’udienza di discussione. L’udienza di discussione si svolge in pubblica seduta, con la possibilità per i rappresentanti delle parti di svolgere succinte conclusioni riassuntive. Tar, cui seguirà la pubblicazione della sentenza stessa.

Lo stesso argomento in dettaglio: Codice del processo amministrativo. In attuazione della delega conferita al Governo dall’art. 44 della Legge 18 giugno 2009, n. Il ricorso giurisdizionale amministrativo è l’atto introduttivo del giudizio dinanzi al giudice amministrativo. Devono poi essere allegati, ma non a pena di inammissibilità, i documenti a sostegno della richiesta e copia del provvedimento impugnato. La nullità è generalmente ritenuta rilevabile d’ufficio e non opponibile dalla parte che vi ha dato causa.