Il mistero del 2012 PDF

Questa voce o sezione sull’argomento film horror non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Ichabod Crane è un giovane agente di polizia che è solito fare uso di metodi il mistero del 2012 PDF razionali e scientifici decisamente insoliti per l’epoca.


Författare: .

Che cosa accadrà nel 2012? Siamo davvero alla fine di un ciclo cosmico? Sarà un’epoca di risveglio, un nuovo gradino nell’evoluzione umana o la fine del mondo come noi lo conosciamo? Da tempo gli archeologi sanno che il calendario Maya indica questa data come la fine di un’era della Terra e oggi sempre più studiosi, ricercatori spirituali e scienziati hanno di fronte segni che indicano il 2012 come un cambiamento epocale nella storia del nostro pianeta.

Crane non crede a tali superstizioni e inizia ad interrogare gli abitanti del villaggio alla ricerca di un colpevole, nonostante un altro abitante della cittadella, Jonathan Masbath, venga trovato decapitato nel bosco. Ben presto Crane è costretto a ricredersi quando il magistrato Philipse viene decapitato di fronte a lui dal cavaliere. Crane, abbandonata la via della logica e della ragione, si reca da una strega residente nei boschi ad ovest che gli rivela il luogo di sepoltura del Cavaliere, l’ “albero dei morti”. Katrina Van Tassel, Crane giunge al misterioso albero. Scavando, i tre trovano le teste delle vittime e lo scheletro privo di teschio del cavaliere. Raccolte le teste, il cavaliere monta a cavallo e cerca di ritornare nella foresta, ma viene fermato da un colpo di fucile sparato da Brom, che lo scaraventa al suolo.

Il giorno dopo gli anziani del villaggio, insoddisfatti di Cane, stanno riunendosi per andare a New York e chiedere un nuovo magistrato. Nel frattempo l’ispettore, ripensando allo scontro della notte scorsa, capisce che il Cavaliere uccide precise persone e giunge alla conclusione che egli non sia tornato dall’Inferno per vendicarsi prendendo anime a caso ma che agisca sotto l’influenza di qualcuno in cambio della promessa di riavere la sua testa mancante. Nello studio del notaio Hardenbrook, Crane trova il certificato di matrimonio di Peter Van Garrett con la vedova Winship e il nuovo testamento del signor Van Garrett che lascia tutto alla vedova: scopre così una cospirazione, ordita dagli stessi notabili della città che hanno acconsentito ad aiutare la persona che controlla il fantasma del Cavaliere, così da far ereditare il patrimonio dei Van Garrett ai Van Tassel, i parenti più prossimi. Pertanto Baltus Van Tassel è il principale sospetto. Ritornati alla locanda, Crane ed il giovane Masbath trovano Katrina a leggere le annotazioni sul diario di Crane che accusano Baltus. Irritato, il possidente decide di allontanare il detective dalla città.

Van Tassel che sconvolto rivela di aver visto il Cavaliere uccidere anche la signora Van Tassel. Terrorizzati, i cittadini si rintanano nella piccola cappella e cercano invano di uccidere lo spettro a fucilate. Crane sfoglia casualmente un libro donatogli da Katrina e vi trova proprio il disegno del pavimento che era in realtà un incantesimo di protezione verso la persona amata. Lady Van Tassel rapisce Katrina e la conduce al vecchio mulino dove racconta la verità alla ragazza: da bambina la donna assistette alla morte e alla sepoltura del Cavaliere senza testa.

Intanto Crane ed il giovane Masbath raggiungono il mulino ed aiutano Katrina a fuggire salendo in cima al mulino a vento, aggrappandosi alle pale per scendere e poi dando fuoco all’edificio con il Cavaliere ancora dentro: l’espediente è inutile perché il Cavaliere è immortale, in quanto già deceduto. Salvi, Crane, Katrina e il giovane Masbath, tornano a New York in tempo per il nuovo secolo. Come nel caso di Edward mani di forbice, Depp fu la prima scelta di Burton per la parte, benché fosse chiesto al regista di esaminare altre opzioni prima di ingaggiarlo. Il produttore Scott Rudin disse una volta: Sostanzialmente, Johnny Depp sta recitando in tutti i film di Burton, ma Burton disapprovò personalmente il commento. Depp, comunque, fu d’accordo con l’affermazione.