Il discernimento PDF

Please forward this error screen il discernimento PDF srv. Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo.


Författare: Pietro Schiavone.

Frutto di anni di ricerca e insegnamento, di direzione spirituale e praticapastorale, il volume offre, fin dalle prime pagine, un’ampia chiarificazione dell’espressione«discernimento degli spiriti», soffermandosi a lungo sul significatodel termine «discrezione» ed esponendo le finalità, l’importanza e l’attualitàdell’argomento, sia per la vita spirituale personale che per l’opera dievangelizzazione.Molti i riferimenti al Magistero e soprattutto ai grandi dottori e misticidella storia della spiritualità, con un posto particolare riservato a Ignazio diLoyola, con i suoi Esercizi Spirituali.

La pranoterapia non va confusa con il Pranic Healing, che è una disciplina spirituale complessa, basata anch’essa sul prana, ma che utilizza il concetto in modo differente ed elabora diverse tecniche oltre alla semplice imposizione delle mani. Il primo punto fa parte della sfera religiosa o spirituale di una persona e dunque si trova al di fuori dell’indagine scientifica. Secondo la delibera del Consiglio regionale toscano n. Lo stesso argomento in dettaglio: Imposizione delle mani e Guaritore. Secondo questa ipotesi, priva di riscontri oggettivi, ogni malattia sarebbe psicosomatica in quanto le costituzione psicofisica del malato potrebbe avere un peso nell’insorgenza e nel decorso delle affezioni, ogni patologia influenzerebbe poi anche la psiche. Le affezioni psicosomatiche sarebbero perciò dovute ad uno squilibrio di quello che i pranoterapeuti chiamano sistema psico-neuro-endocrino-immunologico che, quando si protraesse nel tempo e superasse la soglia di tolleranza, diventerebbe la causa o la concausa del disturbo fisico.

Su questa convinzione si basano molte ricerche volte a trovare il nesso causale fra stress e malattia. Secondo i pranoterapeuti la pranoterapia, e il trattamento aurico in particolare, comporterebbero non soltanto cambiamenti fisici ma anche psicologici, mentali ed emotivi, nel paziente. Il primo passo per raggiungere la buona salute consisterebbe nel non negare l’esistenza di un problema e nel non reprimere i sentimenti che questo suscita. Quest’ipotesi, anch’essa priva di riscontri oggettivi, si basa sull’assunto che ogni cosa nell’universo sia costituita da una particolare forma di energia e che quindi anche l’uomo sarebbe il prodotto di cosiddetti campi energetici. Nella tradizione indiana quest’energia prende il nome di prana da cui il nome di pranoterapia, ed è considerata l’elemento base delle diverse forme di vita.

Secondo questa ipotesi, esisterebbero dei micro campi magnetici causati dal flusso di entità chiamate biofotoni, servendosi di una cosiddetta immunoneuromodulazione farebbe attivare le difese immunitarie dell’organismo mediante la stimolazione delle zone linfatiche e di riflessi nervosi e farebbe avvenire la liberazione di “endorfine”. In tutti gli studi scientifici volti a comprovare eventuali poteri pranoterapici, tuttavia, non si è mai assistito ad alcuna irradiazione di energia paranormale da parte dei pranoterapeuti, né è mai stata trovata alcuna prova che gli stessi fossero in grado di produrre effetti benefici sul corpo di persone malate. Il prana si troverebbe in tutte le cose animate, circondandole e penetrandole, per cui l’apparente mancanza di vita sarebbe dovuta a una minore manifestazione di questa energia. Il prana sarebbe presente in tutte le manifestazioni della natura.