Il daoismo PDF

Da notare il termine sakros alla seconda riga. Sacro è un termine storico religioso, fenomenologico religioso e antropologico che indica una categoria di attributi e realtà che si aggiungono o significano ulteriormente il reale ordinariamente percepito e indicato come profano. Il sacro è un elemento della struttura della coscienza e non un momento della storia il daoismo PDF coscienza.


Författare: Andreini Attilio.

L’esperienza del sacro è indissolubilmente legata allo sforzo compiuto dall’uomo per costruire un mondo che abbia un significato. Le ierofanie e i simboli religiosi costituiscono un linguaggio preriflessivo. Mircea Eliade, Discorso pronunciato al Congresso di Storia delle religioni di Boston il 24 giugno 1968. Il termine italiano “sacro” deriva dal termine latino arcaico sakros, rinvenuto sul Lapis Niger, sito archeologico romano risalente al VI secolo a. Il rapporto del termine con la religione si estese poi anche per divinità maligne come, ad esempio, è avvenuto nel termine latino ex-sacrabilis, ex-secrabilis, ovvero per il sacro, dove invece il relativo termine “esecrabile” vuol dire invece cattivo, ripugnante.

Il termine si estese ancora, in termini più generici, ad indicare qualcosa a cui è stata conferita una oggettiva validità, ovvero che acquisisce il dato di fatto reale, suo fondamento e conforme al cosmo. Da qui anche il termine, sempre latino, di sancire, evidenziato in leggi o accordi. Lo stesso argomento in dettaglio: Ierofania. Marcel Mauss individua nel mana un concetto più generale che comprende sia il sacro che la religione, ma anche la magia. Mauss, ma aggiunge altri strumenti come “rottura di livello” per provocare il passaggio dal profano al sacro. Ogni rito, ogni mito, ogni credenza, ogni figura divina riflette l’esperienza del sacro, e di conseguenza implica le nozioni di essere, di significato, di verità. Storia delle credenze e delle idee religiose vol.

L’uomo che vive l’esperienza del “sacro” viene indicato anche da Eliade come homo religiosus. Mircea Eliade sottolinea che la religione non deve essere interpretata solo come la credenza nella divinità, ma come esperienza del sacro. Eliade analizza la dialettica del sacro. Il sacro è presentato in relazione al profano. Fragments d’un Journal 1945-1969, Parigi, Gallimard 1973, p.

Così Julien Ries in Saggio di definizione del sacro. Saggio di definizione del sacro, Op. Saggio sul sacrificio Brescia, Morcelliana, 2002. Teoria generale della magia e altri saggi, Torino, Einaudi 1965.

Le forme elementari della vita religiosa, Milano, Edizioni di comunità 1971. Holiness in Encyclopedia of Religion and Ethics, Vol. Fenomenologia della religione, Torino, Boringhieri 1960. Il sacro e il profano, Torino, Bollati Boringhieri 2006. Altizer, Mircea Eliade and the Dialectic of the Sacred, Westminster Press, Philadelphia 1968. Mircea Eliade, Il sacro e il profano, Bollati Boringhieri, Torino 2006. Mircea Itu, Mircea Eliade, Editura Fundaţiei România de Mâine, Bucarest 2006, pagina 35.

Georges Bataille, Teoria della religione, SE, Milano 1995. Roger Caillois, L’uomo e il sacro, Torino, Bollati Boringhieri, 2001. Alfonso Maria di Nola, Sacro e profano, in Enciclopedia delle religioni, vol. Mircea Eliade, Il sacro e il profano, Torino, Bollati Boringhieri, 2006.