Il contenzioso dell’Unione Europea PDF

Emblem of the Court of Justice of the European Union. La CGUE ha il compito di garantire l’osservanza del diritto nell’interpretazione e nell’applicazione dei trattati fondativi dell’Unione europea. Nell’ambito della sua missione, la Corte è il contenzioso dell’Unione Europea PDF dotata di ampie competenze giurisdizionali, che esercita nell’ambito delle varie categorie di ricorsi.


Författare: Massimo Condinanzi.

Il manuale propone un’analisi “completa” dell’ormai articolato sistema giurisdizionale comunitario, retto da regole frammentarie, di diseguale valore e di fonte diversa. La prima parte del volume è dedicata agli organi giurisdizionali che operano nel sistema (Corte di giustizia, Tribunale di primo grado, Tribunali specializzati), tenendo in debita considerazione le modifiche che questo sta progressivamente conoscendo in applicazione delle regole introdotte con il trattato di Nizza ed in sua attuazione, nonché, in prospettiva, con il trattato di Lisbona. La seconda parte esamina dettagliatamente i vari mezzi di ricorso che conferiscono competenze ai giudici comunitari. Se il meccanismo del rinvio pregiudiziale riceve un’attenzione particolare, il volume approfondisce anche gli altri strumenti di tutela giurisdizionale, meno noti o comunque riservati ad una cerchia ristretta di operatori specialisti (si pensi al contenzioso della funzione pubblica). Infine, il manuale offre un’analisi dettagliata delle regole e della prassi che governano il processo che si svolge dinanzi al giudice comunitario, illustrandone la “pratica”, ancora per molti versi “esotica” rispetto alle cognizioni processuali dell’operatore giuridico di diritto interno.

Corte controlla il rispetto, da parte degli Stati membri, degli obblighi sanciti dai trattati e dagli atti di diritto derivato. Corte l’annullamento di un atto legislativo di un’istituzione dell’Unione. Il ricorso di annullamento può essere proposto dagli Stati membri, dalle istituzioni dell’Unione o da un privato se l’atto lo riguarda direttamente. Corte di giustizia e il Tribunale vagliano la legittimità dell’inerzia delle istituzioni dell’Unione. Corte e il Tribunale sono chiamati a giudicare in materia di responsabilità extracontrattuale riguardante i danni causati dalle istituzioni o dagli agenti dell’Unione nell’esercizio delle loro funzioni. A tale procedura ricorre l’individuo che lamenti un pregiudizio subito e che voglia ottenere riparazione del danno chiamando la CGUE a giudicare sul caso. Stato membro dell’Unione può, o, nel caso in cui si tratti di decisione pendente davanti a un organo giurisdizionale avverso la quale non è ammesso ricorso giurisdizionale nel diritto interno, deve, chiedere alla Corte di precisare una questione relativa all’interpretazione o alla validità di un atto di diritto europeo.

Corte statuisce sui ricorsi contro le sentenze del Tribunale di primo grado. Corte, quando ricorra un grave rischio per l’unità o la coerenza del diritto dell’Unione, può eccezionalmente decidere della legittimità delle decisioni con le quali il Tribunale, giudicando in secondo grado, statuisce sui ricorsi contro le decisioni del Tribunale della funzione pubblica. La Corte segue grosso modo le procedure dei tribunali nazionali. In caso di ricorso diretto, il ricorso viene notificato alla parte avversa e vengono designati dalla Corte un giudice relatore e un avvocato generale, incaricati di seguire lo svolgimento della causa. Successivamente i giudici, e soltanto loro, deliberano sulla base di un progetto di sentenza steso dal giudice relatore. Una volta adottata, la sentenza viene pronunciata in udienza pubblica. La lingua di lavoro interna della CGUE è il francese.

I giudici e gli avvocati generali sono nominati di comune accordo dai governi degli Stati membri con mandato di sei anni, rinnovabile. Essi sono scelti tra i giuristi di notoria competenza od aventi i requisiti per ricoprire le più alte funzioni giurisdizionali nei paesi d’appartenenza. Dal 1952 si sono succeduti 11 Presidenti della Corte, dal 2015 il Presidente è Koen Lenaerts. URL consultato il 12 ottobre 2015. Lo stesso argomento in dettaglio: Tribunale dell’Unione europea. Tribunali Specializzati dal Trattato di Lisbona, competenti a conoscere in primo grado talune categorie di ricorsi in materie specifiche. Ad oggi il Consiglio ha esercitato detti poteri una sola volta, istituendo il Tribunale della funzione pubblica, cioè un tribunale specializzato nel contenzioso del personale.

Hanno valore legale le sentenze pubblicate una volta al mese nella “Raccolta della giurisprudenza della Corte di Giustizia”, in tutte le lingue dell’Unione Europea, per prima in francese. Non hanno valore le copie messe a disposizione del pubblico durante le udienze o sul sito internet istituzionale della Corte. Lo stesso argomento in dettaglio: Preferenza comunitaria. Hanno applicazione immediata e necessaria negli ordinamenti nazionali le sentenze della Corte di Giustizia che interpretano regolamenti dell’Unione Europea, in quanto norme aventi immediata efficacia nel diritto degli Stati membri. Manca un pronunciamento netto della Corte in merito alla diretta applicabilità delle sentenze che interpretano direttive comunitarie, in quanto norme che necessitano di un successivo recepimento in leggi degli Stati membri. Secondo la Corte, i giudizi nazionali devono garantire la piena applicabilità delle norme comunitarie “disapplicando all’occorrenza, di propria iniziativa, qualsiasi disposizione della legislazione nazionale, anche posteriore, senza doverne chiedere o attendere la rimozione per via legislativa o mediante altro procedimento costituzionale”. La preminenza del diritto dell’Unione su quello degli Stati membri riguarda anche la giurisprudenza della Corte di Giustizia.