Giovanni Vailati Filosofo della scienza PDF

Negli anni 1865 – 1866 scrisse e discusse la sua tesi di abilitazione e incominciò a insegnare all’università di Würzburg. I suoi studenti in questo periodo includono tra l’altro Carl Stumpf e Anton Marty. Tra il 1870 e 1873 Brentano fu coinvolto nella discussione intorno all’infallibilità papale. In quanto contrario a tale dogma, giovanni Vailati Filosofo della scienza PDF fine rinunciò ai suoi voti e uscì dalla chiesa.


Författare: Giuseppe Giordano.

Nel 1874 pubblicò la sua opera più importante: La psicologia dal punto di vista empirico e da quell’anno insegnò all’Università di Vienna. Dopo il suo ritiro dalla vita accademica, nel 1896 si trasferì in Italia, a Firenze, dove restò fino allo scoppio della prima guerra mondiale, quando si spostò a Zurigo, dove morì nel 1917. Quest’opera inaugura un nuovo modo di trattare la psicologia come “scienza”. L’introduzione è dedicata a una dichiarazione di intenti e di metodo del filosofo tedesco.

L’opera di Brentano fornisce una definizione dei concetti di fenomeno fisico e fenomeno psichico molto importante per la psicologia e che sarà utilizzata come punto di partenza anche per molti filosofi successivi. Tale esemplificazione però non basta a chiarire le rispettive specificità e si presta ancora a numerosi equivoci, perciò Brentano individua come caratteristica principale e peculiare dei fenomeni psichici l'”in-esistenza intenzionale”. Brentano nota che ciò che contraddistingue più distintamente i fenomeni psichici è il fatto di contenere sempre il riferimento a un qualcosa come oggetto. L’intenzionalità è un concetto chiave nato in epoca Medievale con la filosofia scolastica e in particolare con Tommaso d’Aquino. La distinzione tra percezione interna e percezione esterna integra e completa la teoria dell’intenzionalità.