Competitività e crescita internazionale del sistema arredamento PDF

Questa voce o sezione sull’argomento Puglia è priva o carente di note e riferimenti bibliografici puntuali. Si propone di dividere questa pagina competitività e crescita internazionale del sistema arredamento PDF più pagine.


Författare: Gabriella Lojacono.

Questa terza edizione, rivista e aggiornata, tiene conto degliultimi sviluppi del settore e, muovendo daun’approfondita analisi delle regole competitivee degli attori della filiera delmobile: espone le specificità delle imprese dell’arredamento; esamina i problemi strutturali del sistema; suggerisce alcune soluzioni per il lorosuperamento, anche attraverso l’adozionedi nuovi modelli competitivibasati sull’utilizzo di tecnologie Internetbased.

Il toponimo Salento ha origini incerte. Secondo una leggenda deriva dal nome del Re Sale, un mitico re dei Messapi. Secondo Strabone, il toponimo deriverebbe dal nome dei coloni cretesi che qui si stabilirono, chiamati Salenti in quanto originari dalla città di Salenzia. Santa Maria di Leuca, nel territorio di Castrignano del Capo in provincia di Lecce, che rappresenta il centro abitato più meridionale della Puglia. La penisola salentina è il territorio più a Est d’Italia e Punta Palascìa o Capo d’Otranto ne costituisce l’estremità orientale, distante dall’Albania 72 km attraverso il Canale d’Otranto. Il territorio è affacciato su due mari: la costa occidentale è lambita dallo Ionio ed è caratterizzata solitamente da lunghe spiagge sabbiose mentre la costa orientale bagnata dall’Adriatico risulta essere solitamente rocciosa e a falesia.

La penisola salentina, essendo protesa nel mare, è caratterizzata da un clima più umido rispetto al resto della Puglia, dove invece la presenza dell’Appennino riduce l’apporto di umidità dei venti. Il paesaggio presenta molti elementi caratteristici. L’agro salentino è quasi ovunque coltivato, e la vegetazione arborea è per lo più costituita da distese di ulivi secolari, dai tronchi contorti e di grandi dimensioni. La proprietà terriera è generalmente suddivisa in piccoli appezzamenti, separati dai tipici muretti a secco. Si stima che la flora nel Salento annoveri circa 1. Durante l’estate, il colore sanguigno della terra diventa protagonista con il verde della macchia mediterranea. Le bacche policrome annunciano poi l’autunno ed il successivo mite inverno.