Come un pesce azzurro PDF

Questa voce o sezione sugli argomenti ingredienti di cucina e pesci non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Questa voce sugli argomenti ingredienti di cucina come un pesce azzurro PDF pesci è solo un abbozzo.


Författare: Francesco Randazzo.

Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento. Vengono generalmente definite pesci azzurri alcune specie di pesci caratterizzati da colorazione dorsale tendente spesso al blu, in qualche caso verde e da colorazione ventrale argentea. La denominazione di “pesce azzurro” non si riferisce ad un gruppo scientificamente definito di specie ittiche, ma è utilizzata commercialmente per indicare alcune varietà di pesci, generalmente di piccola pezzatura, di varia forma e sfumature di colorazione, il cui costo è generalmente ridotto per la grande quantità di pescato.

Biologicamente parlando il pesce azzurro appartiene a specie a vita pelagica, con carni grasse e spesso ricche di oli. I piatti preparati con tali specie di pesce sono spesso considerati “cucina povera”, ma il pesce azzurro è molto apprezzato in cucina per le qualità nutrizionali delle carni. Esso ha carni generalmente molto digeribili con prevalenza di grassi insaturi, in particolare del tipo omega 3. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 17 feb 2019 alle 11:41. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. In Italia la pesca commerciale è stata regolamentata da appositi decreti ministeriali, in particolare il D. 1º dicembre 1989 e il successivo D.

Dall’entrata in vigore del Regolamento Europeo CE n. 2006 relativo alle misure di gestione per lo sfruttamento sostenibile delle risorse della pesca nel Mar Mediterraneo, in base all’art. Il citato articolo 15 prevede la possibilità di una deroga per il novellame di sardine sbarcato ai fini del consumo umano, a condizione che tale novellame sia catturato esclusivamente con sciabiche da natante o da spiaggia e che le relative attività di pesca siano regolate nell’ambito di un Piano di gestione nazionale approvato dalla UE. Successivamente tramite l’articolo 39 della Legge 28 luglio 2016, n. La sanzioni sono raddoppiate nel caso in cui la violazione riguardi specie ittiche come tonno rosso e pesce spada. L’Italia ha presentato un Piano di gestione nel 2010 che la Commissione Europea non ha approvato.

Alla stessa maniera si preparano gli esemplari più piccoli del cicirello. Nella cucina napoletana prendono il nome di cicenielli e si consumano fritti in pastella. Nella cucina anconitana prendono il nome di paranzola. Nella cucina maceratese prendono il nome di lattarina. Nella cucina tarantina prendono il nome di Faloppa, e si utilizzavano con le uova a mo’ di frittata.