Come sono diventato stupido PDF

Machiavelli ebbe un’ampia e approfondita formazione culturale come sono diventato stupido PDF, pur non conoscendo il greco. Repubblica di Firenze, in sostituzione di Alessandro Braccesi, seguace del frate domenicano. All’inizio del 1500 i francesi avevano mandato dei mercenari guasconi al soldo di Firenze, ma al momento opportuno essi avevano disertato.


Författare: Martin Page.

Nell’ottobre 1502 ha il primo incontro con Cesare Borgia, che, al fine di realizzare un forte Stato nell’Italia centrale, sta facendo una campagna militare contro i piccoli signori marchigiano-romagnoli, coalizzatisi nella Lega della Magione. Alessandro VI, duca di Romagna e dal re di Francia, duca di Valentinois. Arezzo e la Val di Chiana a ribellarsi a Firenze, questa si vide costretta a contattarlo. Nell’estate 1503 scrive Del modo di trattare i popoli della Valdichiana ribellati. Per un momento il Machiavelli credette di ravvisare nel Valentino il principe che avrebbe potuto imporsi a livello nazionale. Nel 1503 muore Alessandro VI e, dopo un mese, anche il suo successore Pio III.

Borgia sosteneva la candidatura del cardinale Giuliano della Rovere, convinto di ottenere, se quest’ultimo fosse stato eletto, il titolo di capitano generale dell’esercito papale, il governo fiorentino decise di mandare Machiavelli ad assistere all’elezione del nuovo pontefice. Nel 1504 Machiavelli, costatato il fallimento delle milizie mercenarie nella guerra contro Pisa, propone di costituire una milizia popolare che le sostituisca. Il Consiglio Maggiore lo autorizza alla fine del 1505 a cominciare il reclutamento nel vicariato del Mugello. L’imperatore fece al Machiavelli l’impressione di un sovrano totalmente inetto.

Spagna e Papato possano distruggere la giovane Repubblica. Infatti, l’anno successivo una Santa Lega di papato e Spagna, oltre a veneziani, svizzeri e inglesi, si oppone alla Francia. Nel 1513 viene sventata una congiura contro il nuovo governo mediceo: sospettato di avervi preso parte, Machiavelli viene arrestato e torturato. Provata la sua innocenza, spera di poter rientrare nelle grazie dei nuovi padroni, ma le sue domande d’impiego rimangono inascoltate.

Intanto la Germania aderisce alla Santa Lega e i francesi vengono sconfitti a Novara. Muore Giulio II e lo sostituisce nel 1513 Giovanni de’ Medici col nome di Leone X. Si ritira nella sua tenuta di famiglia presso Firenze e inizia a scrivere a Francesco Vettori, ambasciatore di Firenze a Roma. Dal 1513 al 1519 lavora ai Discorsi sulla prima Deca di Tito Livio, trattato sulle Repubbliche. Nel 1515 il re francese Francesco I conquista Milano e sigla la pace con Leone X.

Nel ’16 e nel ’19 muoiono Giuliano, fratello del papa, e Lorenzo, suo nipote. Dopo la morte di Giuliano, nel 1516, a capo del governo mediceo era il card. Giulio, che sarebbe poi stato eletto papa col nome di Clemente VII. Francesco I, minacciando di occupare l’Italia intera. Dal 1521 al 1523 vari avvenimenti turbano la vita della chiesa: morte di Leone X, elezione di Adriano VI, congiura in Firenze contro il cardinale Giulio Medici, morte di Adriano VI, Giulio Medici diventa papa Clemente VII.

Alla congiura contro Giulio dei Medici parteciparono alcuni membri del gruppo d’umanisti e letterati che si ritrovavano regolarmente nei giardini di Cosimo Rucellai, alla periferia di Firenze: uno fu giustiziato e altre tre esiliati. Nell’aprile 1526 su proposta del Machiavelli a Firenze si istituisce il magistrato dei Procuratori delle mura e lui ne viene nominato ispettore. Clemente VII incarica Machiavelli di convincere il Guicciardini, diventato Governatore della Romagna nel 1524, a costituire un esercito romagnolo, non mercenario, per resistere alle milizie di Carlo V, ma l’impresa fallisce. Il sovrano, indignatosi con Clemente VII che aveva dato la sua adesione alla Lega antispagnola, permette a 14. Le opere maggiori del Machiavelli sono il Principe, i Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio, Storie fiorentine e una commedia, La mandragola. A quel tempo la milizia era quasi esclusivamente mercenaria.