Cina PDF

Questa voce o sezione sull’argomento Cina non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti. Lu ed al regno di Qi esistiti durante il Periodo delle Primavere e degli Autunni. Il nome Shandong significa letteralmente a oriente del monte riferendosi alla posizione della provincia situata a est delle Montagne Taihang. Lo Shandong è posizionato al confine orientale del Pianura della Cina Settentrionale e per questo cina PDF ha subito l’influenza della civiltà cinese sin dai primordi.


Författare: Angelo Rinella.

La Cina è una grande civiltà che si è sviluppata in condizioni del tutto indipendenti da quella europea occidentale, con una lingua estranea al ceppo indo-europeo e con una storia che, a differenza del mondo arabo ed ebraico, non ha avuto punti di incontro e di interconnessione con l’Europa. L’idea della democrazia, sia in senso classico che moderno, non appartiene alla cultura cinese. Caratteri come il partito unico, l’accentramento invece che la separazione dei poteri, il ruolo ancillare del diritto rispetto alla decisone politica, la subordinazione del sistema giudiziario verso l’apparato di governo, sono ritenute condizioni utili a assicurare il «buon governo, quello che assicura l’ordine contro il caos, la stabilità e l’unità del paese». Negli ultimi vent’anni tuttavia la Cina sembra essersi posta, a modo suo, al passo dell’Occidente, interpretando i modelli occidentali secondo proprie categorie concettuali, dando luogo ad un complesso sistema di governo e a modelli consolidati del potere politico. Un sistema la cui trasformazione – che pure è in atto se si guarda alle riforme costituzionali – si svolge con ritmi assai più lenti rispetto al rapido procedere della «locomotiva» economica, indotto più dalle sollecitazioni dei nuovi mercati, che dalle istanze politiche.

La dinastia Qin conquistò e sradicò lo Stato Qi e creò nella regione il primo Stato centralizzato nel 221 a. Successivamente al periodo dei Tre Regni un breve periodo di unità territoriale sotto la dinastia Jin occidentale fu teatro di una serie di invasioni di popolazioni nomadiche provenienti dal nord, che causò il saccheggio e la conquista di tutta la Cina settentrionale. La dinastia Song riunificò nuovamente la Cina durante il tardo X secolo, nel 1996 la scoperta di oltre duemila statue di Buddha nei pressi di Qingzhou sono la testimonianza più importante di questo periodo dinastico. La dinastia Song fu costretta a cedere il controllo della Cina settentrionale alla dinastia Jīn intorno al 1142 e fu sotto questa dinastia che si cominciò a usare per questa provincia il nome di Shandong. Dopo la conquista del territorio da parte della dinastia Qing, la provincia dello Shandong assunse i suoi confini attuali. Forte coloniale tedesco con il vessillo della Kaiserliche Marine a Tsingtao, porto fortificato della Germania. Nel XIX secolo, la Cina divenne sempre più suscettibile all’influenza occidentale, e lo Shandong, una provincia costiera, ne subì particolarmente le conseguenze.

Qingdao fu data alla Germania nel 1897 e Weihai alla Gran Bretagna nel 1898. In quell’anno le forze comuniste avevano già occupato alcune parti della provincia, e durante i seguenti quattro anni le loro basi si ampliarono, al punto che riuscirono ad eliminare le forze del Guomindang entro il giugno del 1949. La provincia di Shandong è per la gran parte composta da territorio pianeggiante, le parti nord-occidentali, occidentali e sud-occidentali sono comprese nella Pianura del Nord della Cina. La vetta più alta della provincia di Shandong è il Picco dell’Imperatore di Giada nell’area del Taishan con una altezza di circa 1545 metri. Il Fiume Giallo attraversa la provincia nella sua parte occidentale e si getta nel mare lungo le sue coste settentrionali. Nell’attraversare la regione esso scorre in un corridoio più alto rispetto al territori circostanti dividendo la parte occidentale della provincia in due bacini separati, a nord il bacino Hai He e a sud il bacino Huai He.