Ciak, si legge PDF

Questa voce o sezione sull’argomento economisti è priva o carente di note e riferimenti bibliografici puntuali. Di grande versatilità mentale, Pareto è stato tra le menti più eclettiche vissute nella seconda metà dell’Ottocento ciak, si legge PDF all’inizio Novecento. Rientrò in Italia con la famiglia e si stabilì a Genova, nei primi anni cinquanta dell’Ottocento.


Författare: Dario Pontuale.

Chi di noi, quando si parla di libri, non ha risposto o si è sentito rispondere almeno una volta: “No, non l’ho letto. Ma ho visto il film”? A questa, ormai proverbiale, occasione s’ispira Ciak, si legge, raccolta di letture, commenti e articoli che Dario Pontuale propone per invitare alla riscoperta di alcuni grandi capolavori delle principali letterature mondiali, prestati al cinema. La scelta delle opere non segue criteri cronologici, geografici o tipologici, ma l’incontro dell’autore con quei Classici che sono entrati con forza nella sua vita di lettore. I ritratti degli autori che accompagnano i racconti sono stati realizzati per l’occasione dagli allievi della Scuola Internazionale di Comics di Padova. Disegni figurativi, concettuali, metaforici, graffianti che rilanciano il rapporto tra la parola scritta e l’immagine.

In questo stesso periodo frequentò i circoli culturali fiorentini e, con articoli su riviste italiane ed europee, partecipò intensamente al dibattito politico su posizioni liberiste e anti-protezionistiche. Lavorò allo sviluppo e alla sistemazione della teoria dell’equilibrio economico tenendo, nel 1901, alcune conferenze a Parigi, invitato da Georges Sorel, con il quale fu in ottimi rapporti. In questo periodo fu abbandonato dalla moglie ed ereditò una grossa fortuna da uno zio. Fu in rapporti di amicizia con Benito Mussolini, che conobbe tra il 1902 e il 1904 quando l’ancora agitatore socialista era rifugiato in Svizzera e frequentava le lezioni dell’economista.

Mussolini fece suoi i principi della “filosofia della vita” di Pareto, che considererà Mussolini “un grande statista”. Morì il 19 agosto successivo e fu sepolto nel cimitero di Céligny. In definitiva, come si vede, dal marginalismo, e in particolare dagli sviluppi apportati da Pareto, viene fuori una metodologia utile, al di là dei regimi economici preferiti, ad affrontare problemi di remunerazione e di allocazione delle risorse. Proprio sul terreno delle costanti della natura umana e della razionalità dell’agente avviene il passaggio di Pareto dall’economia alla sociologia.

Lo studio statistico della distribuzione dei redditi gli aveva fornito una prima evidenza della stabilità della natura umana pur nel variare delle situazioni storico-geografiche. Un marinaio dell’antica Grecia che, apprestandosi a navigare, compie un sacrificio agli dei, realizza un’azione in nulla adeguata o utile al suo scopo di navigare. E quando parliamo, non abbiamo nessuna coscienza esplicita delle competenze grammaticali che utilizziamo per raggiungere lo scopo di enunciare frasi ben formate. Da questo nucleo di problemi nasce la sociologia di Pareto, costituita da quattro grandi contrafforti: la teoria dell’azione non logica, la teoria dei residui e delle derivazioni, la teoria delle élites, la teoria dell’equilibrio sociale. La teoria dei residui e delle derivazioni intende spiegare natura e funzionamento delle manifestazioni simboliche, o derivate, che accompagnano il comportamento sociale, e in particolare natura e funzionamento del discorso sociale. I motivi che l’individuo sociale adduce a giustificazione dei suoi comportamenti, sono, secondo Pareto, arbitrari rispetto alle effettive motivazioni dell’agire. Questo schema analitico non sempre è perseguito in maniera limpida, soprattutto per i residui.