Chi comanda in Italia. Governo e Parlamento negli ultimi venti anni PDF

Lo stesso argomento in dettaglio: Scandalo Forteto. Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi chi comanda in Italia. Governo e Parlamento negli ultimi venti anni PDF avvertenze.


Författare: Giovanni Di Cosimo.

Gli equilibri della forma di governo sono profondamente cambiati. Il Governo si è rafforzato a danno del Parlamento in una serie di settori che vanno dalla finanza pubblica al rapporto con l’Unione europea, dalle nomine alle fonti normative. Anche il Presidente della Repubblica svolge un ruolo più attivo, soprattutto nelle fasi di crisi politica. Tutti questi cambiamenti costituiscono un dato di fatto di cui occorre tener conto quando si decide di cambiare il sistema dei poteri regolato dalla Costituzione. Le riforme costituzionali devono aumentare l’efficienza delle istituzioni e contemporaneamente ristabilire l’equilibrio fra legislativo ed esecutivo. Solo così si consolida la democrazia liberale.

L’iniziativa è di due uomini che vantano titoli di studio in psicologia in realtà mai posseduti: Rodolfo Fiesoli, detto il Profeta e a capo della struttura, e Luigi Goffredi, l’ideologo del progetto. L’ispirazione da cui arriva la comunità non era solo quello di offrire opportunità di lavoro, bensì anche quello di impegnarsi in un percorso di crescita comunitario, di vita sociale collettiva e di accoglienza di minori con handicap fisici e mentali, con un passato di disagio familiare o abusati sessualmente. Il 4 ottobre 1977 il centro si sposta a Barberino di Mugello e prende il nome di Forteto. La comunità propone una forma di educazione alternativa dei minori tramite gli affidi a due soggetti, uomo-donna, il cui accostamento avviene “a tavolino” e definita “Famiglia funzionale”, una nozione coniata dal Forteto, che vi impernia la propria filosofia legata all’educazione dei minori e agli affidi, si sviluppa in opposizione al concetto corrente di famiglia. A un ragazza entrata in comunità nel 1977 viene detto che non doveva avere figli naturali, perché questo rappresenta un atto egoistico.

Sono concettualmente prive di riscontri scientifici ed è sorprendente come nessun professionista che si è approcciato al Forteto lo abbia notato. Nel 1985 Rodolfo Fiesoli viene condannato per atti di libidine violenta e corruzione di minorenne. I fondatori Rodolfo Fiesoli e Luigi Goffredi vennero arrestati nel 1978 e condannati definitivamente condannati nel 1985. La Corte europea dei diritti dell’uomo nel 2000 ha condanna l’Italia per l’affidamento di due minori al Forteto, strappati alle cure della madre.

Nel 2011 Fiesoli venne nuovamente arrestato per violenza sessuale su minori e maltrattamenti, di quest’ultimi vennero accusati anche 22 membri della comunità. Durante le inchieste delle commissioni regionali e durante i dibattimenti processuali, emerse che era pratica comune fare lavorare i minori impiegandoli nelle varie attività della cooperativa che comprendono campi coltivati, frutteti, stalle e un caseificio. La Guardia di Finanza effettuò un blitz per sequestrare i computer nella sede e venne aperto un fascicolo per truffa sospettando che i corsi di formazione ideati e promossi dalla Fondazione e finanziati dalla Regione dal 2002 al 2008 non vennero in realtà mai svolti. 2018 condannò Fiesoli a otto anni e un risarcimento di 80 mila euro a favore della vittima delle violenze e dei suoi familiari. Nel 2015 venne proposta in Parlamento l’istituzione di una commissione di inchiesta sui fatti accaduti per oltre 30 anni nella comunità ma solo ma solo nel 2017, a seguito delle sentenze di condanna per abusi e maltrattamenti si riuscì a superare l’opposizione del Pd, all’epoca partito di maggioranza relativa e principale sostegno del governo in carica. Si riuscì ad approvare al Senato della Repubblica la legge di istituzione della commissione d’inchiesta il 31 maggio 2017.