Azzerare i rifiuti PDF

Questa voce o sezione sull’argomento diritto ha un’azzerare i rifiuti PDF geopolitica limitata. Contribuisci ad ampliarla o proponi le modifiche in discussione. Questa voce o sezione sull’argomento diritto è ritenuta da controllare.


Författare: Guido Viale.

La cronaca degli ultimi anni dimostra quanto la gestione dei rifiuti sia importante per qualificare gli aspetti fondamentali dell’esistenza di una comunità e come essa non sia un’attività settoriale da delegare agli addetti ai lavori, ma una questione centrale per il governo di un territorio. Tutti abbiamo il dovere di chiederci se la produzione di rifiuti, nella quantità in cui oggi li generiamo, sia la conseguenza inevitabile della produzione industriale e del consumo di massa, o se non sia piuttosto il frutto di scelte strategiche di forze e organizzazioni impegnate in una corsa verso la crescita illimitata, senza preoccuparsi dei danni che questo modo di produrre e consumare infligge all’ambiente. Azzerare i rifiuti non rende meno urgente il compito di governarli. L’obiettivo primario è la riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti, eliminando alla fonte il commercio e la produzione dei beni concepiti per trasformarsi in brevissimo tempo in rifiuti, come i prodotti usa-e-getta. Ma ugualmente importante è il recupero di materia, cioè il riciclo, che può essere fatto solo attraverso la diffusione capillare della raccolta differenziata sia dei rifiuti urbani sia di quelli industriali.

Motivo: La voce parrebbe non essere completamente aggiornata alla luce delle modifiche apportate dalla legge 11 dicembre 2012, n. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento. Il condominio è disciplinato dal codice civile italiano. La legge 11 dicembre 2012 n. Il regolamento può essere contrattuale o assembleare.

L’articolo 1138 del codice civile dispone che le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici. In merito alla disciplina sugli animali domestici bisogna distinguere il caso in cui tale divieto sia inserito in un regolamento assembleare, da quello in cui è inserito in un contratto a scopo di locazione. Gli organi del condominio sono l’amministratore di condominio e l’assemblea di condominio. Si parla di condominio minimo quando i condomini sono due. Si parla di supercondominio quando vi è una pluralità di strutture singolarmente identificabili come singoli condomini e con parti in comune tra di esse. Non sempre è facile distinguere la natura giuridica dell’edificio perché spesso pur essendo in una realtà di supercondominio, l’intera struttura viene amministrata come singolo condominio, creando non pochi problemi di logistica e di disciplina giuridica applicata.

Lo stesso argomento in dettaglio: Amministratore di condominio. L’amministratore può essere revocato dal tribunale ordinario, su istanza di almeno un condomino, quando vi sono fondati sospetti di gravi irregolarità nella gestione, quando non rende il conto per due anni consecutivi o quando, essendogli stato notificato un atto di citazione, non ne informa tempestivamente l’assemblea dei condomini. Importante sottolineare la durata annuale che a seguito della riforma del 2012 ha portato ad interpretazioni distinte. L’interpretazione più conforme agli interessi della compagine assembleare vuole costante la durata annuale dell’incarico.