Abitare la densità. La città delle cooperative di abitanti PDF

Il comune ha una superficie di 22. 912 ettari per una abitare la densità. La città delle cooperative di abitanti PDF abitativa di 49 abitanti per chilometro quadrato. Sorge in una zona interna di montagna, nella conca tra la “rocca ri maschi”, il castello soprano e quello sottano.


Författare: .

Il concorso che ha generato i progetti selezionati in questo volume è senza dubbio uno dei più ambiziosi allestiti in Italia negli ultimi anni. Gli organizzatori infatti non hanno voluto soltanto realizzare un buon complesso edilizio, secondo criteri finalmente limpidi, ma hanno voluto sfatare quella lunga litania di luoghi comuni, tutta italiana, secondo la quale non si organizzano concorsi – secondo criteri razionali -, non ci sono opportunità per i giovani, e poi è inutile partecipare perché comunque non vengono realizzati. Non basta: come spiega il curatore, questo concorso da un lato vuole porre un tema squisitamente architettonico, spesso ambiguo e imprecisato, come quello della densità; dall’altro inscrive le modalità di organizzazione del concorso nell’alveo di una visione complessiva – e alternativa – della città: “Una città dalla natura cooperativa, che si alimenta del concorde sforzo dei suoi elementi singolari; elementi che, perseguendo i propri obiettivi all’interno di un codice comune, giovano al tutto e si giovano del tutto”.

Corleone si trova a 542 m s. D’interesse naturalistico sono la sorgente del Drago nei pressi del bosco della Ficuzza e la Cascata delle due rocche. Frattina che si butta tra le rocce calcaree quasi ad esserne inghiottito. Si intravedono poi i resti di un muro di chiusa del torrente da dove l’acqua veniva convogliata per alimentare un mulino, di cui si possono vedere solo le tracce.

All’interno del territorio di Corleone, a pochi passi dal centro storico della città si trova il “Parco naturale della cascata delle Due rocche”. Dopo aver attraversato una serie di viuzze nel quartiere San Giuliano si giunge davanti a una piccola chiesa dedicata per l’appunto alla Madonna delle due rocche. Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Corleone. Il territorio di Corleone risulta frequentato sin dalla preistoria. Ricerche hanno individuato numerosi insediamenti distribuiti attorno a due poli principali: Pietralunga e “La Vecchia”. Tale nome fa riferimento ad una montagna che si erge per circa 1000 s.